GRID, un ambiente di sviluppo per base dati

Lo scopo del progetto GRID è di permettere a persone non esperti di informatica di progettare, realizzare e mantenere una base dati e renderla accessibile tramite un PC, un tablet o uno smartphone connesso in rete.

Ananiainrete.info è il sito web della comunità GRID. Questa comunità, piccola ma motivata, raggruppa gli sviluppatori e gli utenti di GRID.

Esempi di applicazioni GRID

Esempio di applicazione GRID: Lezioni di musica della RAI Radio3

Esempio di applicazione GRID 'Film in DVD' (base dati dimostrativa)

Ultime novità

31 ottobre 2018

La migrazione di ADG a PHP 7.x, MySqli e mb_string è stata completata.

7 settembre 2018

Disponibile la documentazione sull'Ambiente di Gestione (ADG) e sul progetto GRID

16 luglio 2018

Rilasciata la base dati "DVD" dimostrativa delle funzionalità GRID.

Novità nella versione 3.2 (2 luglio 2018)

La maschera CRUD si arricchisce della funzionalità "Valore non in elenco", collegata alle tabelle di decodifica.

Novità nella versione 3.1 (26 marzo 2018)

Tabella di frequenza

Con la versione 3.1, la generazione delle tabelle delle frequenze è stata sostanzialmente migliorata.

Adesso GRID può generare tabelle di frequenza semplici o doppie a partire dei dati di una o due colonne qualitative, tenendo conto di un'eventuale selezione sui dati, direttamente dalla visualizzazione dei dati.

Dopo la generazione della tabella di frequenza, l'utente può configurarla modificando:

  • Il titolo della tabella di frequenza
  • L'ordinamento dei valori degli assi (per etichette o per totali)
  • Il tipo raggruppamento (per anni, mesi o settimane) delle eventuali colonne che contengono date

Inoltre l'utente può scegliere di visualizzare la tabella di frequenza con i valori assoluti oppure in percentuali.

Novità nella versione 3.0 (4 dicembre 2017)

Visualizzazione dei dati

Per visualizzare meglio i dati del database, con la nuova versione, l'utente può scegliere quali colonne saranno visualizzate. Nel caso di un utente registrato, il filtro sulle colonne viene salvato nel profilo dell'utente in modo tale che venga automaticamente utilizzato all'inizio di un nuovo accesso all'applicazione.

Per visualizzare meglio le colonne che contengono testi lunghi, alla visualizzazione con modalità "griglia", la visualizzazione con modalità "lista" è stata aggiunta, più adatta per i campi testuali. Questa modalità risulta utile anche quando la base dati ha colonne con celle spesso vuote.

Maschera CRUD (Create, Rename, Update, Delete)

In questa versione, durante un'operazione dispositiva di tipo inserimento dati oppure aggiornamento dati, nel caso di un campo "menù a tendina" ("select") collegato ad una tabella di decodifica MySql, è stata aggiunta una funzionalità facoltativa chiamata "valore non in elenco" che consente all'utente, se non trova il valore nell'elenco predefinito, di aggiungerlo dinamicamente all'elenco - ossia nella tabella di decodifica MySql -, senza uscire dalla maschera di inserimento o di aggiornamento.

La funzionalità "valore non in elenco" viene visualizzata nella maschera di inserimento o di aggiornamento se l'utente è autorizzato ad usarla.

Il check sui dati immessi durante le operazioni dispositive (CRUD, Copy, ecc.) è stato rinforzato. Oltre al check sul tipo del dato e sulla lunghezza (min e max) già presente, si possono definire con questa versione un certo numero di stringhe particolari quali stringhe di soli numeri, ossia senza spazi, oppure stringhe di numeri con eventuali spazi oppure stringhe di tipo URL, e-mail, orario di ricevimento, ecc.

Inoltre il check sull'obbligatorietà del dato per un campo è stato esteso con l'aggiunta del concetto di obbligatorietà sottoposta ad una condizione; esempio: Sia il campo "Cognome da nubile"; questo campo sarà obbligatorio se il campo "Sesso" vale "Femminile".

Campi a valori multipli

La gestione dei campi a valori multipli è stata notevolmente migliorata. Adesso GRID gestisce due tipi di campi a valori multipli: quelli che contengono un insieme di stringhe e quelli che contengono un insieme di codici che rimandano ad una tabella di decodifica.

Interfaccia

In un contesto "master / details", quando si vuole operare sulla tabella "details" in un contesto dispositivo, è possibile definire un box di selezione iniziale per poter selezionare facilmente un record "master" e visualizzare successivamente i relativi record "details".