Presentazione dell'applicazione "Archivio Fotografico Digitale" (AFD)

   

1. Introduzione

L'applicazione AFD è un'applicazione GRID orientata alla fotografia, progettata per rendere le fotografie digitali di un archivio - anche di grande dimensione - sia fruibili su PC, tablet, smart TV, sia disponibili per la carta (album, calendario, ecc.) oppure per la generazione di filmati da fotografie.

L'applicazione AFD è di tipo informativo ad accesso libero. Il programma che gestisce l'aggiornamento della base dati GRID è il programma "Update".

La maschera SHOW dell'applicazione AFD dispone di due modalità per visualizzare le fotografie e per creare slideshow: la visualizzazione tabellare delle foto e la visualizzazione fotografia per fotografia.

Per quanto riguarda la maschera SEARCH, l'applicazione AFD dispone di tre modalità diverse per selezionare le foto: ricerca standard, ricerca tramite stringa e ricerca avanzata.

A fianco della funzionalità di selezione, l'applicazione AFD dispone di un editore di liste di fotografie. Una lista di foto è quello che una playlist sta al mondo musicale. L'utente - dopo una fase di login - può creare un numero illimitato di liste. Ciascuna lista ha un nome. Per esempio, le fotografie - risultanti da una selezione - possono essere aggiunte ad una o più liste oppure possono essere eliminate da una o più liste.

Per inviare una segnalazione anonima al responsabile dell'applicazione "AFD", per fornire commenti oppure per segnalare malfunzionamenti:

1. La visualizzazione delle fotografie

2.1 - Visualizzazione tabellare

Una volta scelto l'archivio fotografico con il quale si vuole lavorare, l'applicazione visualizza le fotografie in modalità tabellare, ossia AFD mostra le vignette delle foto giustificandole in modo simile a un muro di mattoni.

Ciascuna vignette è zoomabile, cliccando sopra. La foto viene visualizzata zoomata con una didascalia. In questa modalità l'utente può effettuare le seguenti operazioni:

  • scorrere le foto selezionate premendo i tasti sinistra e destra (oppure utilizzare le ditta con uno schermo tattile interattivo, disponibile per esempio sui tablet)
  • cliccare sulla foto per ottenere un ulteriore livello di zoom
  • dal menu sito in alto a destra, l'utente può:
    • far partire uno slideshow cliccando sulla freccia
    • entrare in modalità "schermo intero" cliccando sul quadrato
    • cliccare sulla "X" per uscire dalla modalità "zoom".

Si esce anche dalla modalità "zoom" cliccando fuori dall'immagine oppure cliccando sul tasto "Esc".

Ci sono due bottoni nel menu di navigazione della visualizzazione tabellare che consentono all'utente di:

  • inserire le foto selezionate in una o più liste
  • eliminare, da una o più liste, le foto selezionate.

Le foto visualizzate in modalità tabellare possono essere inviati su una smart TV utilizzando un semplice cavo HDMI oppure tramite WI-FI. Inoltre, il browser Chrome permette fare il mirroring su una smart TV (cliccare sui tre puntini in alto a destra e scegliere la voce "Trasmetti…").

L'applicazione AFD permette di visualizzare fotografie secondo un'altra modalità, ossia "fotografia per fotografia". Il cambio di modalità avviene cliccando sul bottone "Mod. di visualizzazione" che visualizza il popup "Scelta della modalità di visualizzazione"; le modalità "Lista" e "Griglia" sono le modalità standard di GRID per la visualizzazione dei valori della base dati.

2.2 - Visualizzazione fotografia per fotografia

Se l'utente desidera lavorare su ciascuna fotografia, allora è necessario passare alla modalità di visualizzazione fotografia per fotografia.

Per ciascuna fotografia l'utente dispone di due bottoni per inserire la fotografia in una o più liste, oppure per eliminare la fotografia da una o più liste.

La maschera SHOW fornisce all'utente un certo numero di informazioni per aiutarlo nelle sue decisioni:

  • la vignette della fotografia
  • la lista delle categorie / tag che descrivono la foto
  • l'elenco delle liste alle quali la foto appartiene; cliccando su una lista si apre l'editore delle liste
  • alcuni messaggi informativi:
    • Foto "low definition": viene visualizzato, per esempio, quando la foto proviene da WhatsApp
    • Assenza di post-produzione: quando la foto non è stata modificata
    • Appartenenza ad un gruppo di foto: quando la foto è l'ultima di un ciclo di post-produzione
    • Il nome della foto.

Infine la maschera SHOW mette sulla sinistra una casella di controllo per ciascuna fotografia in vista di una operazione multipla: le fotografie segnate potranno essere inserite in una o più liste oppure essere eliminate da una o più liste grazie al menu sito alla fine della pagina Web.

3. Editore delle liste

3.1 - Introduzione

L'editore delle liste serve per operare sulle fotografie di una lista.

Quando la lista contiene molte fotografie, l'editore delle liste può visualizzare le fotografie raggruppandole secondo vari criteri, per facilitarne la gestione.

I possibili raggruppamenti sono per anni, per eventi, per azioni oppure per caratteristiche (ad esempio foto a colori / foto in bianco nero), per definizione (high, low), per ratio (2/3, 3/4, 16/9, square), per formato (portrait, landscape, square) oppure per presenza o no di una post-produzione.

3.2 - Le operazioni

L'editore mette a disposizione dell'utente alcune operazioni che agiscono sull'insieme delle fotografie della lista:

  • Dividere la lista in varie liste secondo il raggruppamento scelto
  • Export delle fotografie sull'hard disk
  • Stampare le fotografie della lista.

Altre operazioni riguardano la singola fotografia:

  • Eliminare la fotografia della lista
  • Copiare la fotografie in una o più liste
  • Spostare la fotografia in una o più liste.

Infine cliccando sul bottone "Info" che si trova sotto la vignette, si ottiene tutte le informazioni sulla fotografia:

  • la lista delle categorie / tag che descrivono la foto
  • le caratteristiche della foto
  • i metadati che la macchina fotografica ha inserito automaticamente nella fotografia al momento dello scatto; ad esempio: data dello scatto, esposizione, tempi, marca e modello della macchia fotografica, coordinate GPS (luogo), ecc.
  • informazioni specifiche delle fotografie analogiche:
    • Marca e modello dello scanner
    • Fonte (pellicola, diapositiva, foto cartacea)
    • risoluzione utilizzata dallo scanner
    • data della scannerizzazione
    • tipo di pellicola (120, 24 x 36)
    • identificatore della pellicola
    • progressivo all'interno della pellicola.

3.3 - Come raggiungere l'editore delle liste

L'utente, una volta fatto la fase di login, può raggiungere l'editore delle liste dalla maschera SHOW, cliccando sul bottone "Gestione delle liste".

Il popup "Gestione delle liste" consente di eseguire tutte le operazioni sulle liste e, in particolare, di richiamare l'editore delle liste.

L'editore delle liste è anche raggiungibile dalla maschera SHOW - visualizzazione fotografia per fotografia. A destra di ogni vignette si trova l'elenco delle liste alle quali la foto appartiene, l'utente, cliccando su una lista, raggiunge l'editore delle liste.

3.4 - Export delle fotografie di una lista

Se si lavora da un PC in locale, l'applicazione AFD premette di fare l'export delle fotografie di una lista in una directory specifica sotto la directory "/adg_export" dell'hard disk.

Le fotografie esportate possono essere utilizzate da un software di album fotografico (ad es. Cewe, PhotoSì, ecc.) per la realizzazione di un album fotografico oppure possono essere utilizzate per creare un filmato da fotografie.

Le foto di una directory possono essere visualizzate molto facilmente su una smart TV grazie a Windows 10: dalla finestra di "Esplora file" di Windows, cliccare con il tasto destro sul nome della directory di export e scegliere la voce "Trasmetti nel dispositivo".

L'export può essere raggiunto sia dall'editore delle liste, sia dal popup "Gestione delle liste".

4. La selezione delle fotografie

4.1 - Introduzione

L'applicazione AFD è un'applicazione GRID e, di conseguenza, l'utente può selezionare le fotografie dell'archivio secondo molti criteri.

L'applicazione è concepita affinché le fotografie, risultato di una selezione, possano confluire in una o più liste, andando ad aggiungersi oppure a sottrarsi alle fotografie già presenti in lista.

L'applicazione GRID permette di selezionare le foto con tre modalità diverse. Tutte le tre modalità di ricerca utilizzano la biblioteca di tag.

4.2 - La ricerca standard

La ricerca standard permette di definire un filtro utilizzando le categorie di tag e/o i nomi delle foto e delle directory.

La maschera di ricerca è divisa in tre sezioni:

  1. Ricerca nei tag delle foto
  2. Ricerca nelle caratteristiche delle foto
  3. Ricerca nei nome del file / delle directory.

Nelle due prime sezioni la maschera, la maggiore parte delle categorie di tag dispongono di un menu a tendina interattivo.

Per esempio, nella prima sezione, la categoria "Luogo" dispone di un menu a tendina con tutti i luoghi indicati nei nomi delle fotografie dell'archivio.

Il menu a tendina è interattivo in quanto l'utente, oltre a scegliere un luogo, può anche scrivere il luogo ricercato e, man mano che scrive, in tempo reale, i luoghi compatibili con quanto digitato vengono visualizzati.

Per esempio, dopo avere digitato "sar", rimangono tre luoghi nel menu:

  • Scuola dell'infanzia Cesare Nobili (Balduina)
  • Sardegna
  • Sarzeau (Francia).

Inoltre, per le categorie "Persone, Eventi, Varie, Valutazione e Caratteristiche" la maschera visualizza due menu a tendina; il secondo permette di scegliere uno o più tag che non devono essere presenti nella fotografia.

Infine per la categoria "Persone" è possibile spuntare la casella "Unicamente" che indica che ci devono essere sulla fotografia soltanto i tag selezionati.

Per esempio, la query tutte le foto con Mario da solo, scattate prima del 2000, senza occhiali da sole, si traduce in:

Campo anno digitare "<2000"
Categoria Persone scegliere "Mario" e segnare il box "Unicamente"
Categoria Varie - secondo menu a tendina scegliere "Occhiali da sole"

La ricerca standard richiede la conoscenza delle categorie di tag da parte dell'utente. Se invece l'utente non sa in quale categoria si trova il tag che ha in mente, AFD dispone delle ricerca tramite stringa.

4.3 - La ricerca tramite stringa

La ricerca tramite tag si svolge in due momenti distinti.

In un primo momento l'utente inserisce una stringa che ha in mente; essa verrà confrontata con le descrizioni dei tag che sono stati utilizzati per indicizzare le fotografie dell'archivio. In confronto non tiene conto né della differenza fra maiuscole e minuscole né delle lettere accentate.

Il risultato della ricerca, ossia una lista di tag individuati, viene presenta all'utente. A questo punto l'utente può scegliere uno o più tag per svolgere la ricerca sulle fotografie; i tag possono essere utilizzati sia in AND che in OR.

Esempio: l'utente cerca fotografie sulle recite a scuola; ma non sa né quale tag utilizzare né in quale categoria si trova.

GRID presenta all'utente 13 tag collegati al concetto di "Scuola". L'utente può scegliere uno o più tag e combinarle in AND oppure in OR.

4.4 - La ricerca avanzata

La ricerca avanzata utilizza una maschera più ampia di quella standard.

Per le fotografie digitali, l'utente può fare una interrogazione sui metadati delle fotografie.

Per le fotografie analogiche, l'utente può fare una interrogazione sulle caratteristiche della scannerizzazione:

  • tipo di scanner: marca, modello
  • cosa è stato scannerizzato: pellicola, diapositiva, foto cartacea
  • la risoluzione utilizzata dallo scanner
  • la data della scannerizzazione

e sulle caratteristiche della pellicola:

  • il tipo di pellicola (120, 24 x 36)
  • l'identificatore della pellicola
  • il progressivo all'interno della pellicola.

5. Credits

  • La libreria JavaScript "Justify Gallery" realizzata da Miro Mannino
  • La libreria JavaScript "Fancybox" realizzata da Fancyapps
  • La libreria Select2, basata su jQuery, che sostituisce le caselle di selezione HTML
  • La libreria JavaScript jQuery.