Presentazione del progetto Archivio Fotografico Digitale (AFD)

   

1. Introduzione

Lo scopo del progetto AFD - in progress - è di rendere fruibile su PC, Tablet e TV un insieme – anche di grande dimensione – di fotografie digitali tramite selezione di esse con GRID usando vari criteri e visualizzazione successiva tramite "presentazione" (slide show).

Il progetto prevede l'organizzazione delle foto digitali in un modo strutturato (per date) in un archivio e l'indicizzazione progressiva delle foto tramite tag inseriti direttamente nei nomi delle fotografie e delle directory.

Questo approccio è stato sviluppato per consentire l'indicizzazione delle persone, dei luoghi, degli eventi (compleanno, matrimonio, ecc.), delle attività di post-produzione fatte sulla foto, ecc. in vista delle ricerche successive.

2. I software

E' stato realizzato un software chiamato "parser" che analizza le fotografie contenute nell'archivio e genera una base dati che viene poi utilizzata da GRID per selezionare e visualizzare le fotografie.

In questo modo GRID permette di svolgere ricerche complesse, ad esempio "tutte le foto con Mario da solo, scattate prima del 2000 con una Nikon".

Se si vuole consultare l'archivio non soltanto dal PC dove risiede l'archivio ma anche da un cellulare, da un tablet o un PC, l'archivio fotografico, la base dati e l'applicazione GRID devono essere pubblicati su un server web.

3. La sfida

La sfida del progetto è garantire la coerenza tra l'archivio fotografico residente sul file system e la base dati.

4. Conclusione

Il progetto AFD richiede un'organizzazione strutturata dell'archivio fotografico, alcune regole di naming dei nomi delle fotografie, un processo progressivo di indicizzazione controllato con l'aiuto di una biblioteca di tag. Il progetto mette a disposizione dell'utente due software distinti ma complementari: il parser per l'analisi delle foto e la popolazione della base dati, GRID per lo svolgimento delle ricerche e la visualizzazione delle fotografie selezionate.